Riforma Senato, Grasso dopo l’avvertimento di Renzi: “Nemmeno la mafia mi fermò. Premier moderi i toni”

PIETRO-GRASSO

Per uno di quei bizzarri accostamenti che ogni tanto la storia d’Italia è in grado di regalarci, a un certo punto, l’orrore della stagione delle stragi mafiose del ‘92 ha incrociato il cammino della riforma del Senato. Che c’entrano Capaci, via d’Amelio, e gli emendamenti all’articolo 2? Nulla, per carità. Ma i toni con cui

TOP
Sign up for our Newsletter
Subscribe!